trend turismo - analisi nike hotel italia - Travel Appeal

L’Italia in bici: fotografia dell’offerta ricettiva dedicata ai cicloamatori

Passare una vacanza in bicicletta nel Bel Paese è diventato ben più che una forma di turismo di nicchia: le stime di Isnart e Lagambiente dicono che i cicloturisti negli ultimi 5 anni sono cresciuti del 41% e che il turismo in bici genera un valore economico di 7,6 miliardi di euro all’anno in Italia, coinvolgendo sia italiani che tedeschi, statunitensi e francesi. 

Per conoscere l’entità del fenomeno online, Italia Destinazione Digitale ha svolto una speciale indagine legata al mondo dei bike hotel italiani sfruttando le tecnologie di Travel Appeal e una selezione di dati appartenenti a oltre 190.000 strutture.

 

Le strutture e i servizi per chi ama la bici: ancora tante le potenzialità da sfruttare

Le strutture che in Italia offrono servizi dedicati agli amanti delle due ruote sono per adesso il 34% sul totale. Questo significa che l’offerta ricettiva rivolta ai cicloturisti ha ancora molto spazio per crescere e di sicuro è uno dei comparti di investimento più interessanti per il mondo dell’ospitalità. 

Tra le strutture biker-friendly le categorie più attive sono i resort (l’89% di queste offre servizi bike) e, con un certo distacco, i campeggi (73%).

I servizi offerti sono soprattutto la disponibilità di bici da affittare a pagamento (58%) o di bici gratuite (22%). Solo nel 15% dei casi vengono offerti tour guidati in bici a pagamento, un servizio che meriterebbe maggiore attenzione proprio perché facilmente abbinabile alla possibilità di prendere in prestito bici o mountain bike.

trend turismo - analisi nike hotel italia - Travel Appeal

Un’analisi più accurata delle recensioni mostra che i cicloamatori si aspettano anche servizi espressamente dedicati, come il box per le bici o il garage attrezzato, come emerge in queste recensioni di esempio:

“Ottimo il box ben chiuso dove poter custodire in tutta sicurezza la bici, e dove poter  riparare o pulire la stessa.”

“Ci sono stata per una vacanza in bici e ho trovato un’accoglienza perfetta: ho potuto lasciare la bicicletta in una sorta di garage dedicato e molto attrezzato e mi sono stati dati tanti consigli sugli itinerari da seguire.”

“L’hotel è organizzato davvero bene per i ciclisti, dal box bici con possibilità di lavaggio e manutenzione, alla colazione dedicata, alla presenza di lavatrice per gli indumenti sportivi e sala bagno per potersi lavare prima di partire, anche dopo aver lasciato la camera.”

Comunque, le bici disponibili gratuitamente restano uno dei servizi di cui i viaggiatori ordinari approfittano più spesso e uno dei più graditi dalle famiglie:

“Ci hanno offerto gratuitamente l’uso delle bici con le quali abbiamo fatto delle belle gite assieme al nostro bambino.” 

 

Paesaggio e investimenti mirati fanno crescere i bike hotel

I bike hotel non nascono e crescono solo laddove c’è un contesto naturalistico bello e fruibile, o nelle città dove c’è più disponibilità di piste ciclabili.

Dalla nostra analisi risulta chiaro che i bike hotel sono più numerosi nelle regioni che hanno investito e creduto di più in questo prodotto per attirare una nuova fetta di turisti e incentivare un turismo slow e rispettoso dell’ambiente.

L’esempio per eccellenza è il Trentino, la regione prima classificata per incidenza di strutture amiche dei ciclisti.

Il Trentino infatti ha fatto delle Dolomiti Paganella Bike uno dei distretti bike di maggior successo in Europa, come ha spiegato in dettaglio il coordinatore del progetto Luca D’Angelo all’ultima edizione di BTO

I numeri che raccontano l’amore del Trentino per la bici sono davvero ragguardevoli: parliamo di 410 chilometri di piste ciclabili, 500 itinerari di mountain bike, 8 bike park, 14 bicigrill e un ampio numero di eventi sportivi diventati ormai rinomati tra gli appassionati.

Sono molte le testimonianze lasciate dai viaggiatori nei commenti online che dimostrano quanto il Trentino e l’Alto Adige siano ben attrezzate per chi è in cerca di una vacanza in sella: 

“Ci si sente molto accolti ed è una soluzione ideale se vorrete scoprire la Val Gardena e le altre valli in sella alla vostra bicicletta, accompagnati da guide esperte che sanno trasmettere, ognuno con il proprio stile e carattere, il piacere per lo sport, l’amore per il territorio.”

 

 

Bici e benessere vanno a braccetto

Una curiosità che abbiamo identificato dall’analisi delle recensioni di una selezione di bike hotel verificati, è che spesso si tratta di strutture dove il turista prenota non solo per fare attività fisica, ma anche e soprattutto per rilassarsi, specie dopo aver macinato tanti chilometri in bici.

Tra gli argomenti maggiormente trattati all’interno dei commenti dominano il cibo, lo staff e la location, che registrano tutti un Sentiment medio molto alto, tra l’87% e il 91%. Non a caso molti utenti nelle loro recensioni parlano in modo entusiasta di speciali colazioni dedicate proprio a chi si dedica al cicloturismo. 

Ma le persone parlano sempre più spesso anche di idromassaggio, piscina, relax e spa. Tutti servizi che, se a un primo sguardo non sembrano legare con la bici, in realtà sono molto ricercati e apprezzati dai viaggiatori amanti delle due ruote.

trend turismo - analisi nike hotel italia - Travel Appeal

IL PREMIO

Il primo e più importante premio sulla reputazione digitale delle destinazioni turistiche italiane.

LE RICERCHE

Scopri le ricerche di IDD. Commenti, dati, statistiche e trend… l’Italia vista dal web.

Share This